Non è una favola. O sì?

listening to…

2006. 2007. Praticamente, un’eternità.
Demian.
Un album di rabbia e delirio. Mentale, ed emotivo. Delirio di onnipotenza. 
Se ci pensate, ho co-prodotto insieme ad Enrique il 90% di quei brani. Quindi ciò faceva di me una produttrice. Parola pesante, che oggi si usa un po’ a sproposito. Arrangiare un brano non è cosa per ignoranti, amici miei. Fidatevi di me. Io ignorante lo sono un bel po’, per quanto riguarda la questione musicale. Preferisco non conoscere l’abc dell’armonia e lasciarmi guidare dalle parole. O dalle mie emozioni, che quando scrivo sono quasi sempre negative. Non so perché. Forse la mia missione su questa terra è davvero quella della trasformazione…. un po’ come scrive Fiona Apple in Extraordinary Machine

Be kind to me or treat me mean, I’ll make the most of it: I’m an extraordinary machine“.

Anche con il mio Leo sento di essere stata in grado di trasformare tutto quello che di negativo avevo ricevuto fin da piccola. Quando guardo lui i dubbi si sciolgono e lasciano spazio alla quieta certezza della felicità. Una gioia riservata e casalinga. Il senso della vita. Dare. Gioire della gioia di un altro essere vivente. Essere genitori ti insegna prima di tutto questo.  
Posso dire di essere stata molto fortunata. Avrei potuto perdermi irrimediabilmente, specialmente nel periodo di “Demian”. Ho vissuto male le belle canzoni di quel disco perché ero troppo presa da me stessa, troppo presa a guardare il buco nero e a meravigliarmi. Quando è troppo nero, meglio non guardare. Tanto lo sai cosa c’è, dietro quell’ombra… cose che si imparano da grandi. Cose che non è mai troppo tardi per imparare.

Ieri ho finito di registrare le voci del mio ultimo album. Tra una settimana io e mio marito partiamo alla volta di New York per mixare il disco con uno dei più grandi fonici del pianeta. Inutile dire che siamo stanchi, emozionati, felici, confusi. In questo disco c’è tutto ciò che sono. E anche ciò che sono stata. C’è un po’ di ogni mio strano periodo, rivisto in una chiave più consapevole e matura, finalmente. Non sono più idealista come prima, sapete… tante delle mie illusioni si sono infrante come specchi. Si sta in equilibrio continuo sulle cose, in punta di piedi , come gli acrobati. Consapevoli che ogni cosa è rischiosa e ogni rischio ti rende vivo . E forte. Anche qui mi sono presa qualche rischio, scrivendo come volevo, senza nessuna forzatura e senza pressioni esterne. 

Non so quando questo disco uscirà di preciso. Non ho un contratto e non ne ho cercato uno per anni. Scrivo se ho qualcosa da dire, e questa volta avevo molte cose dire. Troppe da tenere chiuse nella mia testa. L’unico rimpianto che ho è quello di non essere riuscita a scrivere qualcosa di valido per Leo… Si merita una canzone eccezionale, dato che è un bambino davvero eccezionale, quindi aspetterò il momento giusto. 

Ringrazio con tutto il mio cuore mio marito Simone per avermi aiutato a tirare fuori i coglioni per una volta. Lui, che la vita ha reso un vero combattente, è il vento che alimenta il mio fuoco. Ha tirato fuori il meglio e il peggio di me, sempre. Come solo un amore vero sa fare. Niente a che fare con le favole. La vita vera è molto ma molto meglio.

Stavolta non ho intenzione di giocare. E’ passato troppo tempo ed io, 15 anni dopo il mio ingresso nel selvaggio mondo della musica,  sono pronta a raggiungere nuovi traguardi. D’altronde il 2015 pare sia l’anno del Leone :) Quindi, in bocca al lupo a noi tutti Leoni, senza dimenticarsi di tutti gli altri nostri segni amici, che questo sia un grande anno , di nuove conquiste!

Vostra,
L’a


This is no fairy-tale. Or is it?

2006. 2007. Technically, an eternity ago.
Demian. 
An album made of rage and delirium. A mental and emotional one. Megalomania.
Bollocks, right? I co-produced with Enrique Gonzalez Muller 90% of that stuff. So that made me a producer. Heavy word, ain’t it? Nowadays it’s often misused. Arranging a song is not a quest for ignorants, my friends. Trust me on that.  As far as music is concerned, I am very very ignorant indeed. I’d rather forget the abc of composition and let myself be guided by words. Or by my emotions, that are often negative, but only when I write. I don’t know why. Maybe my mission in life is truly one of transformation… just like lovely Fiona Apple says in Extraordinary Machine

“Be kind to me or treat me mean, I’ll make the most of it: I’m an extraordinary machine”.

With my son Leo I feel like I’ve learned how to transform all the negative things I have received since I was kid. When I look at him doubts disintegrate and leave space for the quiet certainty of happiness. A reserved and domestic joy. The meaning of life itself. Being able to Give. Being joyful for the joy of another human being. Becoming parents teach you this, before anything else.

I can say I have been very lucky. I could have been irremediably lost, especially during that “Demian” time. I have only “outlived” the beautiful songs of that record, instead of enjoying them, because I was purely focused on myself, too focused on watching the deep black hole. When it’s blacker that black, I’d rather not look. I know what’s behind that shadow… I know now… Stuff you learn as you get old. Stuff you’re never too old to learn.

Yesterday I finished working on the vocals of my new album. In a week my husband and I will go to New York to mix the record with one of the most incredible sound-engineers of the planet. Needless to say , we’re tired, happy, confused, emotional. This new work means everything I am now. Everything I have been. There’s a bit of every phase I went through , reviewed by a more mature and self-conscious mind, at last. I am not such an idealistic person now. Many of my greatest illusions broke down to pieces, as mirrors. We move like acrobats , always stepping on the tips of our feet. Aware that any thing involves risks and that any risk makes you alive. And strong. I’ve taken risks here, writing freely, with no external pressure. I don’t know when it will come out. I don’t have a contract and I haven’t looked for one in years. I write if I have something to say and this time there was a lot that needed to be said. Too much to stay trapped within my brain. I can only complain I wasn’t able to write something valid for my Leo… He deserves an exceptional song, because he is a very exceptional boy. So I’ll wait for it to come.

I thank my husband with all my heart for letting me be ballsy for once. He, that life has turned into a fighter, is the wind that fuels my fire. He took the best and the worst out of me, always. Just like a true lover does. Nothing to do with fairy-tales. Real life is much, much better.

This time I am not for games. It’s too late, and 15 years after I began to sing professionally, I am ready to achieve new goals. The stars say 2015 will be good for Leos :)
So, good luck to all my Leo friends and , without forgetting any other sign, HAPPY 2015 to everyone!
Be this year full of great achievements and love.

Yours, 
L’aura


pic_favola
Photos by Stefano Padovani.
L'AuraNon è una favola. O sì?

Comments 15

  1. zia Rossi

    Leggere queste parole mi emoziona. Ora che ti conosco e ho seguito te e Simone nella realizzazione di questo disco. so che, ascoltandolo, ritroverò l’amore, la determinazone e la passione che avete messo giorno per giorno. Intanto anche Leo è cresciuto con voi e con il vostro lavoro riempiendo la nostra vita di gioia!

  2. carmelo

    Cara L’A fortunatamente siamo esseri umani e sbagliando si cresce e si matura. E tu negli ultimi anni sei maturata tantissimo del resto Leo non poteva che non avere due esempi migliori come te e Simone. Non vediamo l ora di ascoltare l album ke scommetto sara’ una roba internazionale che spaCchera di brutto. Quindi Buon Mix e riempici l’estate con la tua musica. With love

  3. Bruno

    Auguri di cuore, Laura, auguri davvero. Vi meritate ogni bene, tu e la tua famiglia, sia per la vita artistica che per quella personale. Sarebbe bello se potessimo aiutarti noi fan, col disco. Hai mai pensato al crowdfunding, quantomeno per una prima tiratura?

  4. Marco Varagnolo

    Ciao Laura, che tu sia un Leone non ci sono dubbi. Nella vita, anche di un leone, ci sono momenti in cui ci si ritira un po in se stessi pensando al passato e guardando al futuro. In mezzo c’è il presente, quello a cui dobbiamo priorità. E per il presente ti faccio un veramente grande in bocca al lupo (… animali, animali…). La mia curiosità, in piena sincerità, è di ascoltare come L’Aura si esprime oggi dovendo confrontarsi con se stessa. Un bacio. Marco

  5. Andrea

    Ciao La. Non perdere mai la tua sensibilità. Non prendere le mie parole come moine. Ricordo che mi avvicinai alla tua musica perché nelle tue parole riuscivo a rispecchiarmi. Sentivo quello che tu sentivi: demoni, delirio, incapacità, perplessità, armonia, amore e passione. Non è facile capire e carpire l’essenza di certe emozioni ed esporle. Te ci riesci e chi non ti capisce, ha un anima di ghiaccio, fredda, distaccata e non perspicace. L’ascolto va al di la del sentire. Vedrai che riuscirai a scrivere qualcosa per il piccolino…
    Bacioni da Andrea

  6. Gabriele

    Ti scrivo qui, alla vecchia maniera ;) Ti seguo dai tuoi esordi con okumuki. Ho adorato il primo album e ancor di più Demian, che ho trovato geniale. L’ep Laura Abela mi piacque molto meno perché lo trovai poco nelle tue corde ma nonostante tutto ho sempre seguito in modo appassionato il tuo modo di fare musica. Adesso che so che hai un nuovo disco quasi pronto non sto davvero più nella pelle e ti faccio un enorme in bocca al lupo!!!!

  7. Sabrina Franchini

    Attendo con ansia il tuo nuovo album ma ansia positiva voglia di ascoltarlo farsi inondare da sensazioni emozioni..sarà un grande progetto una grande rivincita!!! In c… Alla balena Laura!!! Kiss Kiss

  8. L'Aura Post
    Author
    L'Aura

    Che dire… sono commossa. Crepi il lupo e speriamo in una bella botta di c….. :)
    @Bruno…. sì ci abbiamo pensato, sicuramente avremo bisogno di tutto l’amore e il sostegno possibile per fare in modo che questo progetto abbia la luce che si merita. Ma credo anche che senza un team di lavoro adeguato sia difficile promuovere un disco. Quando la casa discografica (o chi per lei) lavora bene e la musica vale qualcosa i risultati ci sono eccome!

  9. Lorenzo

    Spero che con il nuovo disco riprenderai il discorso interrotto bruscamente dopo Demian. ;)

  10. fabio gattari

    Demien disco meravigliosamente oscuro, fin dal titolo mutuato dallo straordinario racconto di Hesse. Talmente coraggioso da fare il giro. Ti aspetto al varco,e mi aspetto il meglio
    with love

  11. Francesco Matera

    Sono davvero felicissimo del tuo ritorno!!!ti ho sempre seguita e sostenuta perchè con la tua voce e la tua musica mi hai dato tantissimo, ed accoglierò a braccia aperte anche il tuo prossimo lavoro <3 grazie di cuore L'aura <3

  12. cri

    Sono partita carica x scriverti qualcosa che t possa dare ancora piu’ coraggio di quello che hai gia’ ma adesso che e’ il momento di farlo nn mi vengono le parole…posso solo dirti che x quel poco che t conosco penso che tu sia una grande,una leonessa!vai dritta per la tua strada che nn ti ferma nessuno!un in bocca al lupo supergiganteeee!..t devo una tisana al tuo rientro!; )

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *